folkemigraL’associazione Folkèmigra

..... nasce nel 2012 dall’incontro di musicisti provenienti da percorsi diversi ma con una radice unica: l’amore per la musica popolare. Gli anziani che un tempo si riunivano con gli strumenti tipici, mandolini, chitarre, fisarmoniche sono stati musa ispiratrice per amici che da ragazzini li ammiravano a rimanevano incantati da quei suoni pregni di storia e tradizione. L’esigenza di tramandare un sapere orale e di colmare un vuoto musicale creatosi nel tempo, li spinge a fondare un gruppo che ha come scopo unico quello di salvaguardare e valorizzare la musica nata nei bassi, nei sottani, nei vicoli stretti, nelle feste del paese e nelle sale da ballo di un tempo. La musica dell’allegria e della spensieratezza, degli sfottò, delle serenate e dei canti di lavoro.
Nel tempo si è voluto ampliare l’orizzonte musicale ed arricchire  le conoscenze con danze e musiche internazionali acquisite da repertori di musica popolare di tutta l’area del Mediterraneo e del Vecchio Continente.Annualmente si organizzano corsi di ballo e laboratori strumentali  oltre che feste e vere e proprie “uascezze” stando insieme e danzando in una modalità conviviale di famiglia allargata .
 Significativo ed emblematico il nome del gruppo: Folkèmigra. La musica popolare che nasce come carta d’identità di una comunità e si mescola grazie a migrazioni di lavoro, come avveniva nel tavoliere o nell’alta murgia dove si incontravano i mietitori di grano, o i pastori che giungevano per la transumanza, dalle regioni limitrofe e che a fine lavoro si ritrovavano suonando e cantando ognuno la musica della propria cultura. Il folk inteso dunque come abbattimento di ogni barriera fisica e soprattutto sociale: il pregiudizio, il colore della pelle, o l’etnia. Il FOLK è MIGRAre con la musica per abbattere queste barriere,soprattutto pregiudiziali.
L’associazione si fregia di essere consociata alla F.I.T.P.  Federazione Italiana Tradizioni Popolari